skip to Main Content
02 39282608 | 389 8980505 lism@lism.it DONA IL 5X1000

Testimonianza di un piccolo amico

Testimonianza di G.

Un giorno, devo dire particolare, perché ad una festa con la scuola, ho conosciuto un ragazzo più grande di me di qualche anno, ma essendo molto simpatico, attirò subito la mia attenzione; Mi avvicinai a lui per attaccare bottone, come si suol dire, e nemmeno lui fu indifferente nei miei confronti.
Diventammo subito amici, ma lui non stava bene perché camminava appoggiandosi ad un bastone, la mia curiosità tentava di chiedere, ma non trovavo il coraggio, anche se pensavo che un amico deve sapere…. Allora chiesi: “Perché porti il bastone?” Lui rispose semplicemente : Ho la Sclerosi Multipla, una malattia che mi paralizza gradatamente, fino possibilmente ad arrivare alla sedia a rotelle.

Sinceramente subito, rimasi scosso, non sapevo cosa rispondere, anche perché non avevo mai sentito parlare di una malattia così atroce…. Che ti paralizza… l’’istinto fu quello di abbracciarlo e timidamente risposi: “Ti voglio bene! Voglio essere tuo amico per sempre”.
Cominciammo ad uscire insieme e man mano che lo conoscevo ero sempre più contento della sua compagnia. Alleviare la sua solitudine mi rendeva orgoglioso, anche lui sembrava contento perché a causa della sua malattia, aveva perso tutti gli amici. Oggi non si sentiva più emarginato, aveva un amico fidato con cui scambiare ogni tipo di discorso e divertimento.
Ho passato con lui molti momenti belli e meno belli a causa delle sue crisi della malattia, ma io riuscivo sempre a farlo sorridere.
Lui era dolcissimo e pieno di voglia di vivere. Presto mi accorsi che chi usufruiva di più della sua compagnia, ero io.
Il mio grande amico, purtroppo gradatamente si aggravò e in breve tempo, lo perdemmo.
Il mio cuore era straziato. Oggi ho nuovi amici altrettanto bravi, ma non dimenticherò mai quella esperienza che pur causandomi tanto dolore, è stata per me, un grande insegnamento e cioè che una persona disabile può essere il tuo migliore amico.