skip to Main Content
02 39282608 | 389 8980505 lism@lism.it DONA IL 5X1000

Lega Italiana Sclerosi Multipla  (L.I.S.M.)- ONLUS

Sede legale PIAZZA VITTORIO VENETO N.1 CALCINATE (BG

Codice Fiscale: 97025670155

 

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31.12.2018

 

  1. Dati generali sull’Associazione

L’Associazione Lega Italiana Sclerosi Multipla (L.I.S.M), è nata nel 1982 e da più di 30 anni raccoglie fondi per assistere sia materialmente che moralmente le persone colpite da sclerosi multipla e per finanziare i centri di ricerca su detta malattia.

L.I.S.M. è un’associazione istituita ai sensi dell’art. 14 e seguenti del codice civile, dotata di riconoscimento giuridico ai sensi del DPR 361/2000, iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche istituito presso la Prefettura di Chieti al numero 89 ed iscritta nel Registro delle Organizzazioni di Volontariato e fiscalmente qualificata come “organizzazione non lucrativa di utilità sociale (onlus)” ai sensi del D.Lgs. 460/97. L’associazione svolge solo attività istituzionali di cui alla L.266/91 e pertanto sono decommercializzate ai fini delle imposte dirette e non producono conseguentemente materia imponibile ai fini IRES.

  1. Premessa

Il presente bilancio è composto dallo “stato patrimoniale”,  dal “rendiconto gestionale”, e dalla “nota integrativa”

Lo “stato patrimoniale” ed il “rendiconto gestionale”, nonché la presente “nota integrativa” sono stati redatti secondo gli schemi previsti dal documento: “Linee guida e schemi per la redazione dei bilanci di esercizio degli enti non profit” dell’Agenzia per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale. Per ogni voce dello stato Patrimoniale e del rendiconto della gestione è stato indicato l’importo della corrispondente voce dell’esercizio precedente. Non hanno avuto luogo compensi di partite. La redazione del bilancio, in continuità rispetto ai criteri utilizzati nell’esercizio precedente, è stata eseguita nel rispetto del generale principio di prudenza e nella prospettiva di continuazione dell’attività dell’Associazione; è stato inoltre applicato il principio della competenza temporale indipendentemente dalla data di effettivo incasso o pagamento. Si è provveduto infine a valutare separatamente gli eventuali elementi eterogenei appartenenti alle medesime voci sempre nel rispetto del divieto di modificare i criteri stessi di valutazione da un esercizio all’altro. Sono state indicate inoltre altre eventuali informazioni necessarie ai fini della redazione di un bilancio veritiero e corretto nonché necessarie per il rispetto della specifica normativa in materia di Onlus ed enti non commerciali. Lo stato patrimoniale e il rendiconto gestionale sono redatti in unità di euro e la presente nota integrativa contiene illustrazioni ai dati di bilancio in unità di euro.

 

  1. Accadimenti rilevanti relativi all’attività gestionale istituzionale

1.Attività svolte

L.I.S.M. è un’Associazione di volontariato, senza scopo di lucro che è vicino ai malati di sclerosi multipla e malattie affini. Ogni risorsa derivata dalla raccolta fondi è quindi destinata ad assistere chi soffre.

Questo impegno costante e continuativo ha fatto sì che l’ Associazione riuscisse a contribuire alla realizzazione del Centro Residenziale per malati di sclerosi multipla di Inzago, alle porte di Milano. La costruzione della struttura, inaugurata il 1 giugno del 2008, ha visto impegnata L.I.S.M. dal 2005 al 2013.

Oggi il Centro è una struttura attiva che ospita 49 malati di sclerosi multipla e altre malattie invalidanti. Dalla fine del 2013, per quasi quattro anni, L.I.S.M. ha operato a Chieti, per dare aiuto ai malati del Centro Italia che purtroppo ad oggi non godono di molti aiuti. L.I.S.M., nonostante le difficoltà di quei territori, è riuscita a realizzare a Manopello Scalo, in provincia di Pescara il centro ricreativo L.I.S.M., un luogo di sostegno, di socializzazione e di aggregazione per malati di sclerosi multipla e malattie affini.

Oggi l’Assosiazione continua la sua missione nella nuova sede di Calcinate (in provincia di Bergamo) e in quella operativa a Milano, in via Rogoredo.

  1. Le attività preminenti in corso

Ascolto telefonico: i volontari di L.I.S.M., attraverso colloqui telefonici, oltre ad offrire soluzioni logistiche sono a disposizione dei malati e dei loro familiari per supporto informativo, psicologico e morale.

Attività ricreativa: la missione di L.I.S.M. è anche contribuire a trasformare le loro difficoltà in quotidianità accettabile, in inclusione sociale, in partecipazione attiva alla loro vita. L.I.S.M. organizza incontri e spazi ricreativi e utilizza due pulmini attrezzati per il trasporto degli ammalati.

  1. Gli strumenti

L’Associazione dal 1992 pubblica il semestrale “ATTIVAMENTE”, che riporta informazioni mediche, iniziative e progetti dell’associazioni, storie e testimonianze. Il giornale è redatto anche con l’aiuto dei malati e dei volontari.

Il sito Internet www.lism.it costituisce il principale strumento di comunicazione per coinvolgere i soci in maniera attiva in tutte le attività e le scelte dell’Associazione. Il sito è oggetto di un restyling finalizzato ad accentuare le funzioni interattive anche per i malati con grave disabilità.

4.Il nuovo progetto

L.I.S.M. ha avviato un nuovo progetto: realizzare nel territorio milanese una palestra per la fisiokinesiterapia, una struttura all’avanguardia, specializzata nel trattamento ai malati di malattie degenerative.

 

  1. Criteri di valutazione

I criteri di valutazione adottati, non modificati rispetto a quelli adottati per la redazione del bilancio dell’esercizio precedente, vengono di seguito espressi.

I crediti: sono iscritti in bilancio al presumibile valore di realizzo.

I debiti: sono iscritti al loro valore nominale.

Le immobilizzazioni materiali sono iscritte in bilancio al costo di acquisto incrementato degli oneri accessori di diretta imputazione. Tale valore, nello schema di riclassificazione, è al netto dei fondi di ammortamento. L’ammortamento delle immobilizzazioni strumentali all’attività è calcolato sistematicamente in funzione della loro residua possibilità di utilizzazione, stimata per categoria di cespiti mediante un coefficiente annuo (i principali coefficienti di ammortamento sono i seguenti: impianti specifici 15%, mobili e arredi 12%, macchine elettroniche d’ufficio 20%; autovetture per trasporto persone 20%; impianti generici 20%, beni strumentali di modico valore 100%).

Con riferimento ai beni immobili, il processo di ammortamento viene posto in essere al fine di allineare il valore contabile del bene al relativo valore di mercato ed evitare sovrastime contabili rispetto al valore reale. In bilancio non vengono stanziati ammortamenti in quanto il valore contabile non è ritenuto superiore al valore di mercato.

Le immobilizzazioni immateriali rappresentano spese per acquisizione di fattori produttivi ad utilità pluriennale. L’ammortamento è calcolato sistematicamente, in funzione della residua utilità.

I ratei e risconti riflettono la quota di competenza di oneri e proventi riguardanti due esercizi consecutivi, l’entità dei quali varia in ragione del tempo, nonché sospensione di costi e ricavi per il rispetto del principio di competenza temporale.

 

E. Composizione e movimentazione delle immobilizzazioni

 

La seguente tabella evidenzia la consistenza e la movimentazione dei valori compresi nella voce B I (immobilizzazioni immateriali) dell’attivo:

 

  Valore storico     F.do  
B.I) Immobilizzazioni immateriali 31/12/2017 Incrementi Decrementi Ammortamento 31/12/2018
7) Altre 16.175     14.907 1.268
altre 16.175 0 0 14.907 1.268

 

Trattasi essenzialmente di interventi straordinari su beni immobili di terzi, detenuti dall’Associazione in forza di contratto di locazione, ammortizzati su di un periodo temporale di 5 anni.

 

La seguente tabella evidenzia la consistenza e la movimentazione dei valori compresi nella voce B II (immobilizzazioni materiali) dell’attivo:

 

  Valore storico     F.do  
B.II) Immobilizzazioni materiali 31/12/2017 Incrementi Decrementi Ammortamento 31/12/2018
2) Fabbricati 250.065     95.811 154.254
4) Altri beni 168.142     165.226 2.916
Totale 418.207 0 0 261.037 157.170

 

Nella voce altri beni sono compresi due autoveicoli attrezzati per il trasporto disabili.

I beni di modico valore unitario, destinati ad essere velocemente rinnovati, sono stati imputati ad economico.

 

Le consistenze complessive della voce B) immobilizzazioni, con la relativa variazione, sono riassunte nella seguente tabella:

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
B) Totale immobilizzato 163.560 -5.122 158.438

 

  1. Composizione e variazione intervenuta nella consistenza delle altre principali voci dello stato patrimoniale

 

CREDITI

I crediti, con riferimento alle consistenze e alle variazioni intervenute, sono indicati nella seguente tabella:

C.II) Crediti 31/12/2017 Variazione 31/12/2018
2) Verso altri 13.012 -9.555 3.457
Totale 13.012 -9.555 3.457

 

DISPONIBILITÀ LIQUIDE

Le disponibilità liquide, con riferimento alle consistenze e alle variazioni intervenute, sono indicate nella seguente tabella:

 

C.IV) Disponibilità liquide 31/12/2017 Variazione 31/12/2018
1) depositi bancari e postali 861.636 382.503 1.244.139
3) denaro e valori in cassa 501 71 572
Totale 862.137 382.574 1.244.711

 

RATEI E RISCONTI

Le seguenti tabelle illustrano le consistenze e le variazioni delle voci “ratei e risconti” attivi e passivi:

 

E) Ratei e risconti passivi 31/12/2017 Variazione 31/12/2018
Risconti passivi 430 -370 60
Totale 430 -370 60

 

I risconti passivi sono rappresentativi delle quote associative incassate nel corso dell’esercizio ma riferibili a quello successivo.

 

 

PATRIMONIO NETTO

La seguente tabella evidenzia le consistenze e movimentazioni intervenute nelle voci di patrimonio netto. Tutte le riserve dell’Associazione sono vincolate ai fini di svolgimento dell’attività istituzionale e di raggiungimento delle finalità di solidarietà sociale statutariamente previste.

Patrimonio netto 31/12/2017 Incrementi dell’esercizio Decrementi dell’esercizio 31/12/2018
I) Fondo di dotazione 103.290     103.290
II) Patrimonio vincolato        
   1) riserve statutarie 43.998 2   44.000
   2) fondi con vincolo degli organi istituzionali 210.000 360.000   570.000
   3) fondi con vincolo di terzi 0     0
III) Patrimonio libero        
   1) risultato gestionale esercizio in corso -17.023 6.254 -17.023 6.254
   2) riserve accantonate negli esercizi precedenti 624.044 -17.023   607.021
  964.309 349.233 -17.023 1.330.565

Il risultato gestionale dell’esercizio è positivo e pari ad € 6.254. Il patrimonio netto complessivo dell’ente è pari ad € 1.330.565 e lo stesso è integralmente asservito allo svolgimento dell’attività istituzionale ai sensi della Legge 266/91.

A garanzia del fondo di dotazione viene posta quota parte delle risorse finanziarie iscritte tra le disponibilità liquide.

Le riserve statutarie contemplano il valore della quota d’immobile ricevuta quale lascito negli anni precedenti (Euro 44.000).

La voce “fondi con vincolo degli organi istituzionali” (Euro 570.000) è riconducibile a risorse liquide ricevute a fronte di lasciti e destinate alla copertura dei costi di realizzazione di progetti istituzionali da sostenersi negli anni futuri.

 

FONDI RISCHI ED ONERI

Trattasi di stanziamenti prudenziali, finalizzati a far fronte a oneri e spese future.

 

B) Fondo per rischi e oneri 31/12/2017 Variazione 31/12/2018
2) Altri 32.473 0 32.473
Totale 32.473 0 32.473

Trattasi di fondi iscritti in una logica di prudenza.

 

FONDO TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

Le consistenze inerenti la voce “trattamento di fine rapporto lavoro subordinato” si riferiscono alle somme a debito nei confronti dei dipendenti, quantificate ai sensi di legge:

 

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
C) Trattamento di fine rapporto 3.086 -360 2.726

 

DEBITI

Debiti verso banche

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
D.1) Debiti verso banche 54 2.689 2.743

 

I debiti verso fornitori sono indicati, per consistenze e variazioni, nella seguente tabella:

 

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
D.4) Debiti verso fornitori 33.315 -6.548 26.767

 

I debiti tributari sono indicati, per consistenze e variazioni, nella seguente tabella:

 

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
D.5) Debiti tributari 2.528 -1.814 714

 

I debiti verso enti previdenziali sono indicati, per consistenze e variazioni, nella seguente tabella:

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
D.6) Debiti verso istituti previdenziali 630 4.747 5.377

 

 

Gli altri debiti vengono di seguito dettagliati

 

  31/12/2017 Variazione 31/12/2018
D.7) Altri debiti 1.884 3.297 5.181

 

Altri debiti 31/12/2018
Cauzione locazione 1.500
Debiti verso dipendenti 2.900
Debito verso dipendenti ferie permessi 14esima 781
Totale 5.181
  1. Composizione delle voci del rendiconto della gestione

I PROVENTI E ONERI DELL’ATTIVITA’ ISTITUZIONALE ONLUS

Il rendiconto gestionale esprime i proventi ed oneri generati dalle attività poste in essere per il conseguimento dei fini istituzionali e sintetizza il risultato gestionale di periodo, evidenziando inoltre come si sono prodotte ed impiegate le risorse.

  31/12/2017  Variazione 31/12/2018
Proventi da attività tipiche 43.126 435.972 479.098
Oneri da attività tipiche 114.233 397.275 511.508
Risultato della gestione tipica -71.107 38.697 -32.410

I proventi dell’attività tipica sono indicati nella seguente tabella:

 

1) Proventi da attività tipiche 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
1.3) Da soci 1.668 -844 824
1.5) Altri proventi e ricavi 41.458 436.816 478.274
Totale 43.126 435.972 479.098

 

La voce “da soci” viene di seguito dettagliata.

 

Da soci 31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Quote associative   1.408 -1.408
Contributi da soci 824 260 564
Totale 824 1.668 -844

 

Di seguito viene dettagliata la voce “altri proventi e ricavi.

 

Altri proventi e ricavi 31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Donazioni 35.312 31.232 4.080
Lasciti (liquidità) 442.962 10.226 432.736
Totale 478.274 41.458 436.816

 

Gli oneri dell’attività tipica sono indicati nella seguente tabella:

 

1) Oneri da attività tipiche 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
1.1) Acquisti 8.896 -1.060 7.836
1.2) Servizi 44.120 16.940 61.060
1.3) Godimento beni di terzi 15.866 1.864 17.730
1.4) Personale 36.024 19.302 55.326
1.5) Ammortamento 4.976 146 5.122
1.6) Oneri diversi di gestione 4.351 360.083 364.434
Totale 114.233 397.275 511.508

Le voci vengono di seguito dettagliate.

 

Acquisti 31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Carburante 3.802 2.660 1.142
Acquisto di materiale di consumo 1.853 6.236 -4.383
Acquisto attrezzature modico valore unitario 2.181   2.181
Totale 7.836 8.896 -1.060

 

Servizi 31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Spese per attivamente 7.553 4.662 2.891
Utenze energetiche 1.801 1.152 649
Spese telefoniche 1.474 2.454 -980
Assicurazioni 1.280 1.287 -7
Spese condominio 4.520 4.473 47
Spese legali e consulenze 24.918 10.347 14.571
Elaborazione paghe 1.928 1.830 98
Spese per servizi bancari e postali 1.061 1.673 -612
Spese postali raccolta propria 4.334 7.995 -3.661
Viaggi e trasferte 830 1.239 -409
Gestione sito internet 61 2.000 -1.939
Prestazioni occasionali lavoro autonomo 4.125   4.125
Altro 7.175 5.008 2.167
Totale 61.060 44.120 16.940

 

Oneri diversi di gestione 31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Imposte Comunali – Tasse diverse 2.980 2.797 183
Accantonamento a fondi di Patrimonio Netto 360.000   360.000
Altri oneri 1.454 1.554 -100
Totale 364.434 4.351 360.083

 

I PROVENTI E ONERI RELATIVI ALL’ATTIVITA’ DI RACCOLTA FONDI

 

L’Associazione svolge inoltre un’attività di raccolta fondi, per mezzo di società esterne specializzate.

  31/12/2017  Variazione 31/12/2018
Proventi raccolta fondi 167.175 -32.446 134.729
Oneri raccolta fondi 116.630 -19.052 97.578
Risultato della raccolta fondi 50.545 -13.394 37.151

 

I proventi da raccolta fondi sono indicati nella seguente tabella:

 

2) Proventi da raccolta fondi 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
2.1) Devoluzione 5 per mille 39.370 -5.908 33.462
2.4) Altre raccolte fondi 127.805 -26.538 101.267
Totale 167.175 -32.446 134.729

 

Gli oneri promozionali e da raccolta fondi sono indicati nella seguente tabella:

 

2) Oneri promozionali e i raccolta fondi 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
2.4) Attività ordinaria di promozione 116.630 –                    19.052 97.578
Totale 116.630 –                    19.052 97.578

 

Gli oneri vengono di seguito dettagliati.

  31/12/2018 31/12/2017 Variazione
Servizi di raccolta fondi 74.280 88.414 -14.134
Oneri postali 23.298 28.216 -4.918
Totale 97.578 116.630 -19.052

 

PROVENTI E ONERI FINANZIARI E PATRIMONIALI

  31/12/2017  Variazione 31/12/2018
Proventi finanziari / patrimoniali 6.839 -4.066 2.773
Oneri finanziari / patrimoniali 2.100 -1.240 860
Risultato della gestione 4.739 -2.826 1.913

La seguente tabella evidenzia i proventi dell’ambito finanziario e patrimoniale dell’Associazione:

 

4) Proventi finanziari e patrimoniali 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
4.1) Da rapporti bancari 1 82 83
4.3) Da patrimonio edilizio 0 2.500 2.500
4.5) Proventi straordinari 1.845 -1.655 190
Totale 6.839 -4.066 2.773

La seguente tabella evidenzia gli oneri dell’ambito finanziario e patrimoniale dell’Associazione:

 

4) Oneri finanziari e patrimoniali 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
4.1) Da rapporti bancari 1.959 -1.914 45
4.5) Oneri straordinari 141 674 815
Totale 2.100 -1.240 860

 

GLI ONERI DI SUPPORTO GENERALE

La seguente tabella evidenzia le consistenze e le variazioni degli oneri relativi alle attività di supporto generale riferite all’attività complessiva dell’Associazione:

 

5) Oneri di supporto generale 31/12/2017  Variazione 31/12/2018
5.6) Oneri diversi di gestione 1.200 -800 400
Totale 1.200 -800 400

Trattasi delle imposte dovute dall’Associazione.

 

  1. Trattamento fiscale e agevolazioni

L’Associazione gode delle agevolazioni previste per le Organizzazioni di volontariato di cui alla Legge 266/91 e per le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (onlus) di cui al D.Lgs 460/97.

 

  La Presidente Maria Emanuele