IL NOSTRO NUOVO OBIETTIVO: UNA PALESTRA ALL’AVANGUARDIA PER MALATI DI SCLEROSI MULTIPLA E MALATTIE AFFINI

La Lega Italiana Sclerosi Multipla e malattie affini si impegna a sostenere i malati e a favorire la socializzazione tramite attività di assistenza, intrattenimento, informazione, riabilitazione e sostegno della ricerca. L.I.S.M. li aiuta a sviluppare la piena coscienza di se stessi, per favorire il superamento delle barriere fisiche e sociali e sostiene la concezione che la persona, seppure diversamente abile, è capace di creare valore umano e professionale. L’associazione crede che questa sia una condizione essenziale affinché ci sia un pieno riconoscimento dei diritti di ogni individuo.

 L’idea è quella di creare una dimensione sociale che promuova l’adeguato accesso alle cure riabilitative, l’autonomia individuale e l’indipendenza. La proposta progettuale sviluppa un approccio globale al fine di tutelare i diritti dei disabili che comprende:

  • Un Palestra di Fisiokinesiterapia per la riabilitazione, per migliorare disfunzioni neurologiche o muscolo scheletriche;
  • Un laboratorio di informatica, per diffondere e far conoscere la tecnologia in tutti i suoi possibili usi pratici per rendere autonomi gli utenti;

 

@Konstantin Pelikh / seventyfour74

Sostegno motorio

Il nostro progetto vuole porre l’attenzione sull’importanza di un adeguato percorso fisioterapico, in particolar modo sulla Fisiokinesiterapia. Quest’ultima è rivolta a curare patologie neurodegenerative con deficit motori ma anche per curare pazienti in seguito a traumi.

La fisiokinesiterapia si divide in due rami:

  • Passiva – quando il fisioterapista esercita le tecniche sul paziente;
  • Attiva – quando è il paziente, sotto indicazione del fisioterapista, a svolgere determinati movimenti supportato da alcuni strumenti.

Un percorso terapeutico individuale appurato da professionisti è finalizzato a migliorare le funzioni motorie, prevenire l’accorciamento dei muscoli e la debolezza dei muscoli.

Sostegno psicologico

Solitamente la persona a cui viene diagnosticata una patologia cronica, deve affrontare non solo le cure mediche, ma anche tutti degli aspetti psicologici dovuti a cambiamenti fisici, effetti collaterali dei farmaci e mutamenti delle condizioni della propria vita. Le reazioni possono essere di svariato genere come la rabbia, l’ansia, la depressione che danno come risultato un elevato  livello di stress.

Da molti anni la ricerca ha dimostrato l’importanza del supporto psicologico che se adeguatamente svolto, può incidere sull’aderenza alle cure e sugli esiti della riabilitazione. Attraverso un percorso di psicoterapia il paziente può sollevare tutta la sua emotività rispetto all’evento traumatico e cercare di approcciarsi in modo diverso alle difficoltà.